Anvedi quanti penzieri

Me dice: “ andò stai?”

Ma che te credi? Che non c’abbia niente da fa? Qua la situazione s’ è fatta drammatica, no, seria no, de serio qua non ce sta niente, solo drammatica.

Che te devo dì?

 

Intanto a (preposizione) a (articolo) (leggasi a a gatta co due a) a a gatta (appunto)  je venuta la malattia, l’avemo dovuta a daportà tre vorte dar veterinario, porabbestia che miagolava pe otto chilometri perché a veterinaria sta a san siro, come lo stadio, che menomale che era n’gatto che miagolava che se era n’cavallo nitriva,  e allora volevo vedè. Comunque, quantunque, sta porabbestia j’hanno fatto la frebbo, la tacche, l’ecografia,  li raggi, pareva  de sta n’ospedale.

Mo sta m’po’ mejo ha ripiato a magna ma na settimana fa pareva n’piumino de la porvere  che m’ero comprato pure la carota pe fallo in umido, che me pareva spacciato.

 

Poi ce sta er sorcio, che je lo dicevo a Crimilde “ Crimi, er sorcio, la pantegana de riserva, quella che fa il lavoro ar posto mio, se la sta a squajà, se sta a scavà la galleria, pija er largo, se volatilizza, daje na mezza forma de pecorino e tappiamoje er buco cor cemento armato che senno se la squaja”

“manno, ma che te preoccupi, è affezionata all’azienda”

E n’fatti er sorcio ha pijato er largo, se ne ita, addio sorcio..

 

In secondo luogo, ma forse era er terzo, ce sta Crimirlde  (sempre aquella) che fa: “ aoh che stai a fa che ce sta la Tortuga che sta a affonnà? Vai pija la tortuga, stranisci l’ammiraglio e portala in sarvo?”

“ A tortuga? Ma che stai a scherzà? c’ha lo scafo fracico, e li marinai tutti sbronzi e/ o psicopatici da la mattina ala sera, in mezzo a un mare in tempesta co’ li cavalloni arti sei metri, e li pirati che je sparano le cannonate, pe non parlà dell’ammiraglia che è n’cerbero a tre teste che er colonnello de apocalisse now in confronto pare n’vigile urbano”

“ma ce sta pure Sordo di Cacio”

“e ce lo so che ce sta Sordo de Cacio, che c’ha quindici anni e fa tutto lei: inchioda er timone, ammaina e drizza le vele, cucina, spazza er ponte,  traccia la rotta ir tutto pe na crosta de cacio fracico a settimana (da cui er simpatico soprannome), non se potrebbe armeno aumentaje er cacio, visto che fa tutto lei?”

In ogni caso io c’avevo Opima Culandrona, na barca n’po’ larga de fianchi, che non sarà n’galeone però galleggia, c’ha il fonno solido, naviga in acque limacciose ma tranquille, ce sta il nostromo che pare impajato  ma nun da noia e ce sta er sorcio che (ops non ce sta più er sorcio) ce stava er sorcio, che me dava na mano, ma n’zomma Culandrona sta là e non dà pensieri, ogni tanto se pijava no scorfano o na trja e se magnava pure.

“Armeno: quanto me dai?” domando pragmatico a Crimì.

“N’accidente, però vuoi mette quanto suona bene : Ammiraglio de la Tortuga, rispetto a marinajo de culandrona?”

“ e suonerà pure bene ma armeno formaggiatemi er soldo de cacio e datemi artri du mozzi”

 

Nel frattempo me chiama a Reggina de li Nibelunghi:  “ Aoh, a Limiteumano! Vieni su in Pomerania che ce sta er convegno de li barbari: raccontace de Cialtronia, facce ride, facce sbelicà”

 

N’tanto approfitto pe annà in Britannia, in Britannia ce sta Geremia che sarebbe er mio agente cercatore d’imbarchi. Che a Tortuga proprio non me sconfiffera.

“ Geremì impegnate! stavolta num me poi delude. Trovami n’imbarco, na cosa, n’lavoretto così, vedi tu a la Tortuga nun ce vojo annà”

G “Beh ce starebbe n’posto de pecoraio in svizzera”

LU “ Gajardo! Er Pecoraio me piace da morì, domani me compro er cane”

G “ ma non te sembra n’pochetto understatement”

LU “ Ma che understatement, vita sana, pecore, cani pastori, formaggi. Ce vado domani, ma che domani subbito”

G “ Ce sarebbe pure er parcheggiatore qua in Britannia”

LU “ Ma certo ce vengo, anzi non ce vengo, sto già qua!”

G “ sennò ce sarebbe sta cosa ner deserto der Dumbai so diecimila netti ar mese… fa un po’ cardo..”

LU “ ma che cardo? Geremì er deserto me fa impazzì: li cammelli, li datteri, la diecimila.. me viene da piagne Geremì sei n’amico, n’fratello..”

Mentre sto cercando di tradirla, Crimilde me raggiunge n’Bretagna dovemo da parla co’ lì bucanieri.

Li Bucanieri ci accolgono simpaticamente: ce portano a magna in un tipico locale inglese de bucanieri.

Se magnano ottantadue portate e sei bottije de vino ( in quattro) er nostromo pe dessert se magna  du fettone de pane casereccio co’ Stilton fuso e marmellata de datteri “It seems very light” je dico ironico, galvanizzato ne ordina n’artra dozzina. Crimì esce dar locale in coma etilico.

 

M’ ero dimenticato de la Reggina de li Nibelunghi, pijo la nave, c’arrivo e je racconto de Cialtronia: so venuti da tutto er monno: da Ulan bathor, da la Cisgiordania, dall’Indocina, dall’africa nera, dale tribù zulù ma tutti come un sol uomo ridono come li matti quanno je racconto der monno finanziario der paese nostro.

Ce portano a cena in un convento de frati birrai, la nibelunga che comanda un protone de vichinghi nerboruti, me fa sedè ar tavolo d’onore ala sua destra come giullare protagonista: “ aoh ma come si chiamava er Presidente de la Banca de Cialtronia, quello che telefonava ar magliaro de li fossi?”

E giù tutti a ride.

Quando sta ar sesto litro (de bira doppio marto) je dico “ Reggì che non c’avresti n’posto da giullare pure in iraq che qua me vonno imbarca a la Tortuga?” A nibelunga margrado sia arta du metri e pesi dugentocinquanta chili me guarda impietosita manco fosse l’ultima volta che mi vede in vita e dice “Anvedi a Tortuga! T’andrebbe l’Afganistanne?” “ Ma certo Nibbelù se n’amica, l’Afganistanne è n’paradiso de salute: ce vado subbiuto”

Infine incontro l’ex ammiraglio della Tortuga je chiedo: ma er nostromo armeno stava ‘mpiedi? Me risponde na frase strana der tipo “ beve er brodo, pare n’ brodo, de dado c’hai presente er dado da brodo” non  afferro ma non me sento molto rassicurato.

 

Torno a Cialtronia, danno n’arto pezzo de ricotta a Sordo de Cacio, n’barcano du mozzi e sparano na cannonata a l’ ammiraglio (quello che er colonnello de apocalisse now pareva n’chiericherto), non more ma pare m’po’ danneggiato.

 

M’ embarcano

 

Anvedi quanti penzieri

Annunci

Informazioni su limiteumano

Racconti possibilmente umoristici
Questa voce è stata pubblicata in Economia e Finanza. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...