Gatti e politica

La politica è come cercare di inculare un gatto. (Charles Bukowsky)

Il capofamiglia e Limiteumano sono seduti nel loro elegante tinello intenti a suggere uno Xeres, un aperitivo, in attesa di ricevere la Signora.

Il camino è acceso, malgrado sia estate, limiteumano  porta una giacca di tweed mentre il capofamiglia è in Principe di Galles, il tutto fa molto British:  a limiteumano piacerebbe assai essere British.

Il capofamiglia si gratta l’orecchio con la zampa posteriore, infatti si tratta di un gatto grigio metallizzato:

–         come va il blog? vecchio mio-

–         mah, carissimo, praticamente a parte quella Gnamina , che deve essere una da neurodeliri, non se  lo fila un accidente di nessuno, come era prevedibile..

–         è un peccato, vecchio mio, a volte è abbastanza ridicolo. . insomma potrebbe essere peggio.. sai penso.. dovresti cambiare la linea editoriale.. parlare di cose di interesse generale..

–         tipo?

–         Non so.. il sesso ..la politica..

–         Si, scusa, a parte la politica.. cosa sarebbe quell’altra materia che hai nominato? Non so.. mi ricorda qualcosa..

–         Lascia perdere, vecchio mio, è una cosa un po’ complicata per te.. parla di politica per esempio…quello mi pare un buon argomento…alla gente interessa la politica..

–          Te lo ricordi cosa diceva Charles Bukowsky ..

–         Non  mi pare un paragone di buon gusto.. certe tue letture giovanili non erano molto educative

–         Scusa, comunque che vuoi che ti dica qua c’è praticamente il partito unico: quello di mantenere tutto uguale.

–         Non ti pare un po’ qualunquista? Non noti delle differenze?

–         Tipo? Sull’Afganistan? Sull’ Iraq?

–         Beh in effetti dicevano che volevano andarsene ma sono ancora là

–         Ci sono sostanzialmente due partiti quello dei ladri e quello degli scansafatiche..

–         No ti prego! non ricominciare con la solita solfa sui precari

–         Lo sai quanto prende la Vicepantegana? Quanto prenderà tra dieci anni? Quella che fa il mio lavoro e ti paga il tuo tonno mareblù

–         Mille euri, lo so a memoria, la ricordo sempre nelle mie preghiere, che Dio la conservi!

–         E lo sai quanto prende Fracazzetti, quello che legge il giornale, quando non è in malattia

–         3000

–         E i sindacati che fanno?

–         Difendono Fracazzetti lo so è inlicenziabile, mai licenziare nessuno.  Su questo sono tutti d’accordo. Non ci sarebbe modo di dare 200 euri in più alla Vice-pantica?

–          Impossibile sarebbe un odiosa discriminazione contro i lavoratori E la famiglia poi..

–         Si lo so ai tempi tuoi era un concetto di destra, una cosa da bigotti, ma adesso ci credono tutti

–         vogliono i matrimoni gay, che se c’è una sola fortuna che hanno i gay è che non hanno il matrimonio…poveri cristi…gli togli pure questo..

–         senti, beviti un altro bicchiere di vino..

–         E la BNL? e l’Antonveneta? e  la Telecom ? e l’ Alitalia? Tutti a dire che devono essere Italiane come Trento Trieste e Fiume. Poi possono andare a chiunque, basta che sia Italiano. Meglio Berlusconi degli americani o Ricucci degli olandesi. Oh pure Bertinotti è d’accordo che ti credi?! Non passa lo straniero

–         Calmati che poi ti sale la pressione..

–         E il Vaticano tutti a baciare la mano al papa. Come li chiamano?

–         Ehem forse era meglio se parlavi di sesso, ora ti spiego cos’è..magari ti sovviene..

–         COME LI CHIAMANO!!

–         Ehm, Miao

–         Inutile che fai il gatto Ti lascio un mese senza tonno!

–         Si ma non t’arrabbiare: Teodem, così li chiamano..

–         Ecco guarda io i Teodem l’ammazzerei tutti..

–         Gradiresti un altro Manahtan?

–         E i supermercati! Hanno riempito l’Italia di orrendi centri commerciali , mentre i negozi chiudono, quelli di sinistra li disprezzano i commercianti: li chiamano bottegai. Quelli di destra invece dicono di difenderli ma poi aprono un megastore ogni cento metri: qua i calzolai sono di destra, gli industriali di sinistra.. da non credere.

–         E i partiti estremisti?

–         Ah, quelli che vogliono fare uno stato del posto più triste d’Europa: adesso ce l’hanno coi cinesi che se c’è qualcuno gli assomiglia sono proprio i cinesi: gli basta lavorare 16 ore al giorno ed evadere il fisco… dovrebbero andare d’accordo …

–         Beh non sono i soli

–          Eh già ci sono i comunisti che si dividono ancora in Trotzkisty, Leninisti e sadiocosa come se ci fossero ancora i seguaci di Cesare Crasso e Scipione l’Africano..

Arriva la Signora.

–         Voi due: sempre a ubriacarvi e dire scemenze. Che c’è per cena?

–         (in coro) Zuppa di porri e barbabietole e orata al forno

–         va beh, apparecchiate e piantatela di brontolare…

Annunci

Informazioni su limiteumano

Racconti possibilmente umoristici
Questa voce è stata pubblicata in Filippiche. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...