Lezioni de management pe omini distrutti

Arcolici e stupefacenti conzumati iersera:

1 negroni sbagliato

1 negroni normale

na’ boccia de frascati

du medie doppiomarto

na grappa

n’quarto de stravecchio branca

na canna (prima de dormi a mo’ de camomilla)

 

Abbigliamento de stamattina:

elegante abito in tre pezzi grigio sorcio con du bottoni mancanti ner gilè e due della giacca (ner 1995 qundo l’hai pjato in offerta alla Upim ce ne stavano 3)

oriloggio de li cinesi

parodia de cravatta slacciata all’ombelico, nszugnata de macchie de payata fossilizzate

scarpe m’barcate quasi nere

barba da naufrago

camicia stinta de lavatrice tendente ar celeste (originariamente era avorio) co’ porzini e er colletto magnati da li sorci

 

Stato mentale odierno:

devastato da vent’anni de rospi magnat, hai sviluppato lo scazzo assoluto che n’bonzo zen a tuo confronto pare n’indemoniato. Potrebbero atterrà li marziani sur tuo balcone o rotolarsi gnuda na’ bella ragazza nzulla tu scrivania che la tua reazione sarebbe che nun te ne po’ fregà de meno, te rimbarza proprio.

 

Posizione gerarchica:

Nessuno t’averbbe manco fatto pulì er cesso, ma siccome non ce stava più nessuno meglio de te semplicemente perché tutti l’altri passano la vita in malattia o so palesemente psicopatici ar punto de girà in ufficio cor saio e la corona de spine n’testa, t’hanno messo contro la tua volontà a governà quattro disgraziati laureati co’ centodieci e lode e pagati m’piatto de minestra e na’cotica.

La tua carriera , pe dilla co n’elegante metafora è che come no stronzo sei venuto a galla.

 

Situazione contingente:

Ce stanno li quatto cervelloni marpagati  di cui sopra, vestiti morto meglio de te, infinitamente più intelliggenti de te, nzomma, sotto ogni punto di vista, mejo de te, che so nati più o meno quando tu già stavi a faticà.

Essi te guardano come fossi er comandante Aisenauer anche se er tuo aspetto allezzito e manifestamente rincojonito dovrebbe ragionevolmente destare in loro na quarche perplessità.

 

“E mo’ che famo?” sembrano volè dì li loro sguardi smarriti e avventatamente fiduciosi a te rivorti.

“E mo’ che je dico?” te chiedi mentre te domanni se nun sia mejo de tutto pija li libri contabili, daje na spolverata, e ariportalli ar tribunale pe dichiarà er fallimento.

 

Nun  te disperà er noto blogghe finanziario “Limiteumano 24 ore” pubblicherà d’ora in poi alcune utili lezioni pe’ farte sfangà pure quest’incresciosa situazione. Fidate.

 

 

 

A’ Delega ossia Largo ai Ggiovani!

Ce stà na barzelletta in voga tra velisti che nun fa ride pe’ gnente, difatti li velisti c’hanno er senzo dell’umorismo come li preti svizzeri, però la storia te dà delle utili dritte per fa’ er manager.

 

Dunque, in una cittadina de mare ariva m’porto na grossa nave mercantile, scennono du ufficiali e vanno in Capitaneria tutti preoccupati.

–          C’abbiamo er comannante che ha pjato la malaria, lo dovemo fa scenne per farsi curà, ma dobbiamo porta er carico de frutta a destinazione ar più presto se no ariva fracico. Ce serve ‘nartro comannante. C’avete qualcheduno in città?

–          C’avremmo Nado – je dice l’ufficiale de capitaneria

–          Nando, Pasquale, Filippo nun ce po’ fregà de meno basta che sia comannante

In reartà qua sarebbe stato prudente fa attenzione ar condizionale ”C’avremmo Nando” voleva dì che Nando era si in possesso de patente nautica de commannante, da na decina de ggiorni, ma in vita sua su na’ nave non c’era mai montato.

–          Vabbè mo lo chiamo- je fa quello de la capitaneria.

Usciti li marinai, er capo del la Capitaneria chiama Nando

–          Ah Nado! Te devi m’barcà, ce sta na nave senza comandante ce devi annà pe’ forza.

–          Ma che sei scemo? – je fa Nando-  io na nave manco so se va ner mare o se s’arampica nzulle montagne

–          Non te devi preoccupà, tu sei er comandante, mica devi fa tutto te: se c’hai un dubbio chiedi all’ufficiale in seconna, er Nostromo e fai fa a lui.

Così Nando s’imbarca e ogni cosa che succede je domanna ar Nostromo:

–          Nostromo sarpamo, dia gli ordini. Nostromo sto a fa la rotta che dice? ndò namo?. Nosrtomo faccia lei, nostromo che famo?

Un mese dopo tutto è annato bene, e la nave ritorna al porto de origgine a ripija er comandante che intanto s’è ripjato pure lui.

Arivati in porto Nando fa:

–          Nostromo famo l’ormeggio

–          Eh no comannante la tradizione marinara vuole che l’ormeggio der porto d’arivo lo deve decide er comannante in perzona. Ormeggiamo de poppa de prua o de fianco?

–          Mah famo dappertutto

Fattostà che l’equipaggio perplesso ormaggia de prua, de fianco e pure de poppa.

La notte dopo ce sta na tempesta tutte le navi ormeggiate n’porto se fracassano tranne quella de Nando.

 

A sto punto la barzelletta è finita: i velisti presenti se rotolano dalle risate, i non velisti ce rimangono basiti.

 

Nzegnamento: questa storiella, anche se nun fa ride,  ce insegna arcune cose de grande utilità manageriale:

-1 de sicuro li dipendenti tuoi ne sanno di morto de più de te, se non altro perché se stai là sei probabilmente er più vecchio e quindi de sicuro er più rincojonito

2 quanno nun ce capisci na mazza è inutile che cerchi de fa de capa tua, è di morto mejo che lasci fa tutto a li poveri disgraziati dipendenti tuoi senza interferì

3 se proprio devi fa de capa tua scegli la soluzione più prudente

Detto questo fa na cosa: lascia sempre decide a quelli che so’ arrivati dopo de te: de sicuro sanno sta ar monno morto mejo de te che c’hai l’anni de matusalemme e non sai mano accenne un computer. Dammi retta: Largo ai ggiovani!

Annunci

Informazioni su limiteumano

Racconti possibilmente umoristici
Questa voce è stata pubblicata in Economia e Finanza. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...