l’ ultimo viaggio (si, col cavolo!)

Immagine
Sono partito con una minuscola valigia. Doveva pesare meno di 7chili per essere imbarcata. Solo che ora tutte le valigie hanno le ruote, che pesano da sole 2 chili.. Ne ho trovata una sola senza, verde ricchione da fare invidia a tutte la checche del sud est asiatico.
Sono partito da solo, perché mi han detto che è così che si viaggia veramente. Si conosce gente e si va dove si vuole. Altri mi han detto, e mi sono convinto anch’io, che sarei sicuramente morto tra atroci sofferenze, vittima di serpenti, malaria e triade cinese.
Che ci volete fare siamo così: santi, navigatori e paranoici. Diamo per scontato che tutto sia difficile e vada tutto a scatafascio. Gli inglesi, gli olandesi, i tedeschi e gli americani no, hanno fiducia, ha sempre tutto funzionato, nessuno ha mai cercato di fregarli. Si buttano di testa dalle scogliere e naturalmente non se la spaccano.
Io non faccio altro che immaginare disastri aerei, sanguinosi incidenti in motorino, punture di meduse letali a ogni angolo di strada.
Sono quindi partito con 5 chili di valigia e tonnellate di paranoie.
Ho scoperto subito che almeno metà dei viaggiatori va in giro da sola: più che altro ragazzine e vecchiardi inpensione:: tranquilli, sereni. Io grande grosso e alla soglia dei cinquanta ero terrorizzato. Tanto che pur essendo con cognizione di causa scettico sulle assicurazioni ne ho stipulata una che prevedeva anche il rimpatrio della salma.
Ma sono palle anche quelle che si incontra tanta gente: il viaggiatore solitario vuole per lo più rimanere tale, dopo un breve contatto si dilegua. Fugge i suoi simili.
Ne vedo tanti, persino donne, sole col cellulare in mano che forse non vorrebbero essere mai partite.
Scaraventato a Bangkok di notte senza trovare l’albergo mi impanico un po’ e ci mettero’parecchio a riprendermi

Annunci

Informazioni su limiteumano

Racconti possibilmente umoristici
Questa voce è stata pubblicata in Racconti. Contrassegna il permalink.

2 risposte a l’ ultimo viaggio (si, col cavolo!)

  1. Ale ha detto:

    “Io non faccio altro che immaginare disastri aerei, sanguinosi incidenti in motorino, punture di meduse letali a ogni angolo di strada.” e io che pensavo di essere l’unica!!!

  2. Thai Lover ha detto:

    Non mi aspettavo i cinque chili di bagaglio ma neppure le tonnellate di paranoie. Se penso che a nemmeno diciott’anni eri un pusher in erba… (*)
    ——-
    (*) No pun intended.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...